Bio2Energy: un progetto di Bioeconomia

Il successo riscosso dal Progetto Bio2Energy alla fiera leader della green e circular economy di ECOMONDO, è stato confermato dalla grande affluenza al convegno “Bio2Energy: un progetto di Bioeconomia” tenutosi il giorno 30 novembre 2017 presso PIN – Polo Universitario “Città di Prato”.

Il secondo appuntamento di disseminazione dell’innovativo Progetto Bio2Energy ha rappresentato un momento di riflessione durante il quale è stato possibile conoscere e approfondire temi inerenti i rifiuti. Con una larga partecipazione di tecnici del settore acque e rifiuti, organismi di controllo e di ricerca, il convegno è stato un vero e proprio incontro tecnico per conoscere i nuovi trend della ricerca verso la bioeconomia.

La giornata ha visto un programma ricco di interventi importanti anche da parte di illustri rappresentanti della Regione Toscana, ciò ha confermato ulteriormente l’importanza del progetto a livello regionale dopo l’invito al tavolo della Bioeconomia dello scorso 24 ottobre e alla giornata dedicata alla ricerca del 22 novembre. Il Dott. Lorenzo Bacci - Dirigente del Settore diritto allo studio universitario e sostegno alla ricerca della Regione Toscana - ha messo in evidenza come il Progetto Bio2Energy sia importante non solo per il partenariato ma anche per gli obiettivi che intende conseguire sposando ampliamente il concetto della bioeconomia relativamente alla conversione dei rifiuti in bioprodotti e biocombustibili. La Dott.ssa Renata Caselli - Dirigente del settore servizi pubblici locali, energia e inquinamenti - ha sottolineato come attraverso il progetto si possano raggiungere gli obiettivi del piano di gestione regionale dei rifiuti e contemporaneamente si possa ottemperare alle direttive europee finalizzate al recupero di energia e materia da rifiuti. Forte interesse hanno suscitato i risultati presentati dell’Ing. Isabella Pecorini e dell’Ing. Francesco Baldi relativi alla produzione di idrogeno a scala pilota, ma particolare attenzione è stata rivolta anche all’intervento dell’Ing. Caterina Susini sullo stato di avanzamento del progetto a scala preindustriale. L’evento ha ricevuto anche l’attenzione dell’Ordine degli Ingegneri di Prato che ha riconosciuto dei crediti formativi ai partecipanti.

 

RASSEGNA STAMPA


La ricerca va in scena: politiche in azione

Il 22 novembre 2017, il PROGETTO BIO2ENERGY sarà presente all'evento "La ricerca va in scena: politiche in azione" presso il Teatro della Compagnia -Via Cavour 50/r- Firenze

La Sessione mattutina (9.15-13.00) "Progetti innovativi: Università, Enti di Ricerca e Imprese a confronto" sarà dedicata alla presentazione di progetti e risultati di attività di ricerca condotta in Toscana. Il MIUR, l'Agenzia per la Coesione Territoriale e la Regione Toscana, hanno stipulato un Accordo di Programma Quadro (DGR n. 758 del settembre 2013), che ha consentito il finanziamento di progetti di ricerca realizzati in collaborazione da imprese, università e centri di ricerca pubblici e privati operanti in Toscana. In attuazione dell'accordo la Regione Toscana ha adottato il bando FAR FAS 2014 con una dotazione finanziaria di oltre 51.1 Mln di Euro messi a disposizione dal MIUR (fondi FAR) e dal MISE-ACT (fondi FAS-FSC). Il bando prevedeva due aree tematiche principali: Nuove tecnologie del settore energetico, con particolare riferimento al risparmio energetico e alle fonti rinnovabili Piattaforma tecnologica integrata per l'optoelettronica, la fotonica, l'ICT, la robotica e le altre tecnologie abilitanti connesse Dopo un confronto fra gli attori istituzionali coinvolti nell'accordo di programma, saranno presentati 12 dei progetti di ricerca finanziati, riconducibili ai seguenti quattro ambiti applicativi: Industria 4.0 Energia Aerospazio Smart Cities I restanti progetti partecipano all'evento con una poster session all'interno della sala principale del teatro.

Al termine della mattinata il Presidente Enrico Rossi consegnerà il Pegaso d'oro al gruppo di lavoro dell'European Gravitational Observatory di Cascina (Pisa) per i significativi risultati ottenuti, grazie all'interferometro VIRGO, nella rilevazione delle onde gravitazionali.

Per maggiori informazioni e per registrarsi all'evento http://www.regione.toscana.it/-/la-ricerca-va-in-scena-politiche-in-azione

 

I prototipi a scala pilota sono stati ultimati ed è già terminata la fase di start-up

Già da qualche mese PIN ha dato avvio alle prove in continuo nei reattori a scala pilota da 6 l (per la fase di dark fermentation) e 20 l (per la fase metanigena) prodotti da Cavalzani Inox. La dettagliata campagna di prove a scala di laboratorio condotta da DIEF, ha costituito una solida base di partenza per lo sviluppo delle attività a scala pilota in termini di riuscita del processo di produzione del bioidrogeno e del biometano da FORSU.

darkfermentation

Durante tali prove, con la collaborazione di SEA Risorse, sono stati definiti e caratterizzati sia gli input che gli output del processo in termini di produzioni specifiche di bioidrogeno e biometano. Dalle prove effettuate è stata ottenuta una produzione di circa 20 litri/giorno di biogas (sia derivante dalla dark fermentation che dalla digestione anerobica).
Le attività di caratterizzazione degli output di processo sono finalizzate anche alla caratterizzazione chimico-fisica del digestato prodotto per definirne le proprietà agronomiche e valutare un suo riutilizzo come fertilizzante organico.

Continua la disseminazione dei risultati

Bio2Energy è presente dal 2 al 6 ottobre a Santa Margherita di Pula (Cagliari) al Sardinia Symposium 2017, Sixteenth International Waste Management and Landfill Symposium, una delle vetrine più prestigiose per la ricerca nazionale e internazionale nel campo della gestione dei rifiuti. Il progetto sarà presentato all’interno della sessione Anaerobic Digestion mercoledì 4 ottobre con l’intervento dal titolo “Optimization of biohydrogen production using different types of inoculum”.

sadinia17

sardinia17 2

 http://www.sardiniasymposium.it/home_it.aspx

 

Sempre in tema di divulgazione dei risultati il prossimo appuntamento sarà a Rimini ad Ecomondo dal 7 al 10 novembre. Di seguito le sessioni a cui parteciperà il progetto Bio2Energy

ecomomdo17

 

http://www.ecomondo.com/eventi/programma/seminari-e-convegni/e4749843/xix-edizione-della-conferenza-nazionale-sul-compostaggio-e-digestione-anaerobica.-sessione-tecnica.html

http://www.ecomondo.com/eventi/programma/seminari-e-convegni/e4709268/innovation-in-bioeconomy-technology-clusters-national-and-international-projects.html

 

Ancora in corso le attività sperimentali per la valutazione della produzione di biocombustibili da FORSU

Presso il laboratorio del DIEF continuano i test BMP (Biochemical Methane Potential) e BHP (Biochemical Hydrogen Potential) per la valutazione delle rese di produzione di bioidrogeno e biometano. Dopo i primi risultati ottenuti dai test BHP, sono state effettuate ulteriori prove che hanno previsto la valutazione del processo di digestione anaerobica a singolo stadio (idrolitico) su campioni di substrato sottoposti a diverse condizioni sperimentali, in modo da determinare i parametri di processo ottimali per la produzione di idrogeno, necessari alla trasferibilità del sistema sia in scala pilota che preindustriale.
All’interno dei reattori batch sono state mantenute determinate condizioni di pH (5.5, 6.5, 7.5) per tutta la durata della prova ed è stato inoltre valutato l’effetto della composizione dell’influente sulle rese di conversione e sulla stabilità del processo. Sono state effettuate prove con diversi valori di pH e differenti rapporti substrato/inoculo dalle quali è stato riscontrato che valori di pH di 5.5 e rapporti substrato/inoculo pari a 1:1 rappresentano le condizioni ottimali in termini di rese di processo per la produzione di bioidrogeno.