Convegno “Bio2Energy: un progetto di Bioeconomia”

Scade mercoledì 23 novembre il temine ultimo per iscriversi al convegno “Bio2Energy: un progetto di Bioeconomia”.

Il convegno, che si terrà il 30 novembre a Prato, è il secondo appuntamento di disseminazione dell’innovativo Progetto Bio2Energy. L’idea alla base di Bio2Energy, che ha preso il via nel settembre 2016, è quella di aumentare la produzione di energia rinnovabile in Toscana attraverso la produzione di biocombustibili da rifiuti organici.

Il progetto studia i meccanismi di gassificazione dei rifiuti organici per la produzione di biogas e contemporaneamente di fertilizzanti naturali che possono sostituire in parte quelli di origine chimica. Bio2Energy, finanziato con il contributo determinante dell’accordo di programma MIUR-Regione Toscana DGRT 1208/2012 – Accordo di programma quadro MIUR-MISE-Regione Toscana DGRT 758/2013 PAR FAS 2007-2013 – Linea d’Azione 1.1 – BANDO FAR-FAS 2014, vede come capofila SEA Risorse S.p.A. e la partecipazione di altri cinque partner quali DIEF - Dipartimento di Ingegneria Industriale, PIN S.c.r.l., CNR/ICCOM, Cavalzani Inox S.r.l. e Alia Servizi Ambientali S.p.A.

Il grandissimo potenziale della ricerca in atto con Bio2Energy è stato riconosciuto recentemente ad ECOMONDO, la fiera leader della green e circular economy nell’area euro-mediterranea, che si è tenuta a Rimini. Il progetto ha partecipato a due importanti sessioni sui temi della bioeconomia: nella sessione ‘Innovazione nella bioeconomia: Cluster tecnologici – CLUSTER SPRING’ con l’intervento dal titolo “Hydrogen production from food waste using biochemical hydrogen potential test” dell’Ing. Isabella Pecorini del DIEF – Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Firenze e alla Conferenza Nazione del CIC sul Compostaggio e Digestione Anaerobica con l’intervento dell’Ing. Caterina Susini dal titolo “Optimization of hydrogen and methane production in two-phase anaerobic digestion”. Bio2Energy è il primo progetto di bioeconomia da rifiuti in Toscana ed il convegno del 30 novembre a Prato presenta un programma ricco di interventi che permetteranno di mettere a fuoco i nuovi trend della ricerca del settore.

L’evento ha ricevuto anche l’attenzione dell’Ordine degli Ingegneri di Prato che riconosce 6 CFP ai partecipanti interessati, previa iscrizione al seguente link: https://goo.gl/forms/2sXjaRGRna7dwwjI3

 

Programma